Skip links

Az. Vinicola Villa Russiz

Az. Vinicola Villa Russiz

La tenuta della Fondazione Villa Russiz si estende per 45 ettari di vigneti Doc Collio, adagiati tra morbidi colli e aspri gradoni.
Le vigne sono a dimora in posizioni privilegiate, come individuate già dal fondatore Theodor de La Tour.
E oggi l’opera paziente e scrupolosa degli enologi e viticoltori di Villa Russiz risiede in un percorso equilibrato tra salvaguardia e valorizzazione della specificità di eccellenza di ogni singola varietà.

Chi sceglie Villa Russiz può assaporare un vino speciale che rispetta la complessità della storia, le tradizioni culturali e il patrimonio del territorio, di ogni singolo vigneto. Un vino frutto di una dedizione totale e con un’anima etica. Dal frutto alla bottiglia, è un continuo atto d’amore.

 

Description

Il marchio Marco Scolaris oggi viene associato a un’azienda giovane e dinamica eppure la famiglia Scolaris produce vino sin dal 1924.

Giovanni Scolaris fondò proprio in quell’anno la sua azienda intuendo, da subito, il potenziale di questo prezioso territorio: il Collio. Un’area racchiusa tra le Prealpi Giulie mitigata dal mare Adriatico.

La storia di Villa Russiz inizia poco dopo la nascita del Regno Unito.

E’ infatti il 1868 quando, a 27 anni Elvine Ritter von Zahony sposa il Conte Teodoro de la Tour ricevendo come dono nuziale dal padre un consistente appezzamento terriero denominato Russiz.

Una decinna di anni dopo Il Conte, esperto perito agrario e viticoltore, riesce a cogliere le potenzialità del terreno particolarmente vocato per l’enologia.

Elabora così nuovi studi, introducendo una viticoltura più moderna, un pioniere in questo campo , in quanto introdusse varietà di viti francesi.

Essendo vietata l’asportazione al di fuori della Francia Theodor trasportava le barbatelle in mazzi di fiori.

L’Azienda Villa Russiz cresce grazie alle solide fondamenta, i vini iniziano ad essere degustati dai Reali D’Europa e alle corti.

Durante la Grande Guerra, Villa Russiz viene trasformato in ospedale militare. Venne successivamente ricostruita dopo la distruzione bellica , e passata all’Italia , grazie alle conoscenze della Contessa Adele Cerutti che operava come crocerossina.

L’anno successivo, sotto la direzione dell’agrotecnico Edino Menotti,i vigneti vengono accuratamente ripristinati, e la cantina ristrutturata grazie anche alla collaborazione della comunità di Capriva.

Da qui l’obiettivo è quello di produrre vini di qualità, Il 28 novembre 1964 Villa Russiz entra a far parte del Consorzio Collio, che, nel 1968, ottiene la DOC.

Qualche anno dopo è Gianni Menotti a prendere le redini dell’organizzazione vitivinicola, decise di cambiare approccio ridando valore ai vitigni meno prestigiosi.

In questi anni venne creata la linea dei Cru dedicata al Conte Theodor De la Tour, ed i riconoscimenti arrivano subito, nel 2002 la Guida del Gambero Rosso premia il Grafin de La Tour con i Tre Bicchieri nominandolo Miglior Vino Bianco D’Italia. Nel 2006 Gianni Menotti viene nominato Enologo dell’Anno dalla Guida ai vini D’Italia Gambero Rosso.

Qualche anno dopo Menotti lascia l’azienda, ed in carica entra l’aiuto, L’enologo Giovanni Genio.

Un nuovo percorso ebbe inizio, vennero riproposti i vitigni autoctoni, vennero create delle Cru in base alla vocazione del terreno, e anche grazie ad un accurata selezione che parte già in vigneto, i vini divennero equilibrati, eleganti, complessi, e resi più longevi nel tempo.

Oggi Villa Russiz è una Fondazione retta da un Consiglio d’Amministrazione che gestisce un patrimonio agricolo di 45 ettari di vigneti Doc Collio, investendo nella gestione della Casa Famiglia, una struttura dedicata all’assistenza di bambini meno fortunati.

Additional information

Colore Vino

Bianco, Rosso

Provenienza Vino

Italia

Tipologia Vino

Fermo

Regione Vino

Friuli Venezia Giulia

Bottiglia Vino

0.75 l

Categoria Vino

Cabernet Sauvignon, Friulano Bianco, Malvasia, Merlot, Pinot Bianco, Pinot grigio, Sauvignon, Sauvignon De La Tour